La Menta


La Menta

La nostra cucina senza la menta non avrebbe il suo carattere.

Secondo la mitologia greca, Mintha era una ninfa figlia di Cocito.
Secondo la leggenda, la ninfa venne trasformata nella pianta della menta da Proserpina, moglie gelosa di Plutone, ed il suo caratteristico profumo gli fu donato dal dio come ultimo gesto d’amore.

La menta è una pianta molto resistente e capace di crescere anche in condizioni estreme, diffondendo sempre il suo profumo e la sua fragranza.

Per gli Egiziano, la menta era “Lynx” una strega esperta di pozioni d’amore.

In tutte le tradizioni e culture, la menta è associata alla seduzione e alle pozioni d’amore.
In Sicilia, la menta veniva usata anche per ridurre la febbre.
Ha un profumo intenso, speziato e piacevole ed un gusto fresco .

May your verse be a glorious adventure Strewn by the crisp morning air Which helps the mint and the thyme grow. Everything else is mere literature.” – Paul Verlaine

Quando penso alla menta e al suo profumo, ricordo quasi immediatamente la cucina siciliana che ne fa uso abbondante.
Durante l’estate, si prepara spesso la “frittata”.
La “frittata alla menta” è fantastica. E’ una ricetta tradizionale semplice da preparare e gustosa.

Bastano 5 uova, 1.5 cucchiaio di pangrattato, 1.5 cucchiaio di pecorino o di altro formaggio dal gusto intenso (come il caciocavallo), almeno 12 foglie di menta fresca, olio di oliva extravergine, sale e pepe nero.

Battere i tuorli delle uova unendovi il pangrattato, il pecorino ed le foglie fresche di menta appena staccate dalla pianta.

Aggiungere un pizzico di sale e pepe e le uova, poi il formaggio e se si desidera anche la cipolla ben tritata.

Scaldare nella padella l’olio e versare il composto precedentemente ottenuto.

Fare friggere prima a fuoco basso da un lato, poi avvolgere la frittata su se stessa, come a formare un rotolo, fino ad averla fritta tutta.

Buon appetito!